Conversazioni sul cibo che avete fatto almeno una volta nella vostra vita

Farcisci la pizza in base al carattere dei tuoi ospiti
19 Luglio 2017
E’ il momento di provare un brunch casalingo
1 Ottobre 2017

Avete mai notato come noi italiani siamo tra i popoli che più parla di cibo tra tutti?

E’ l’argomento di conversazione che regna sovrana durante i nostri pranzi e le nostre cene.

Questo avviene anche perché il cibo, la pratica di cucinarlo e di consumarlo è diventata ormai top of mind a livello culturale. Basti pensare a programmi come Masterchef, Cucine da Incubo, Bake-off e molti altri, che ormai catturano l’attenzione non solo degli appassionati di cucina, ma veramente di tutti.

La cosa bella di noi italiani però è che la passione per il cibo l’abbiamo innata ed esisteva ben prima della diffusione di questi show televisivi. Infatti è proprio quando la televisione è spenta che diamo il meglio di noi.

Abbiamo catalogato qui gli argomenti principali su cui intavolare una conversazione destinata a durare a tavola, in particolare:

 

  • Cucinare sano/cucinare goloso, aprendo la conversazione con incipit quali “Questa fissazione per il benessere e la salute finisce che ti porta a mangiare con tristezza, e tristi ci si ammala peggio che con salame e gelato!”. Non può che provocare reazioni di dissenso, di moderazione e di concordia.
  • La cucina francese è meglio di quella italiana? Qualcuno senza dubbio si lancerà con veemenza sull’eccesso di grasso e burro della cucina francese e sicuramente qualcuno la difenderà dicendo che però i croissant come li ha mangiati a Parigi… Sicuramente qualcuno citerà una qualche ricetta francese in cui c’è formaggio e pesce assieme e da lì il passaggio a discutere della cucina inglese e tedesca avverrà in men che non si dica, additandole come tradizioni culinarie in cui il cibo è abbinato barbaramente e cucinato in maniera incomprensibile.
  • Parlare di Pizza. Qui ci sono diversi sotto-sviluppi
  • La pizza è più buona appena cucinata o il giorno dopo? Se è più buona il giorno dopo è meglio fredda o riscaldata? Su questo potrete raccogliere reazioni davvero accorate, non esiste l’indifferenza, ciascuno dei commensali avrà un opinione precisissima e vorrà farla valere.
  • La pizza è meglio se è bassa e croccante o morbida e alta? E anche qui si apre un mondo. Gravissimo se uno dei commensali è di origine partenopea o se ha mai mangiato la vera pizza a Napoli. A quel punto il resto degli astanti rimarrà privo di punti, l’asso nella manica è il suo.
  • Sai riconoscere la pizza cotta nel forno a legna dalla pizza cotta nel forno elettrico? Molti diranno di avere un palato infallibile, di distinguere un aroma come di bruciatino o di legno, altri affermeranno con forza che molte pizzerie con il forno elettrico fanno una pizza buona come quelle con il forno a legna. Qualcuno inizierà a parlarvi della pietra ollare e refrattaria, della differenza nella cottura in casa, e da lì il flusso di informazioni sarà pressochè inarrestabile.

Come la giri la giri, il cibo e la pizza sono due pilastri delle nostre conversazioni e nessuno di noi ne è immune.

Per questo motivo ti consigliamo di tenere sempre un rotolo di pizza pronta in frigo, che se il forno vi tradisce, la pizza non lievita, o arriva un ospite in più, potete sempre compensare 😉 .

Se siete curiosi andate a guardare qualcuna delle ricette fatte con le nostre basi pronte per pizza qui sotto.
Scopri le nostre ricette e lasciati ispirare.

Pizza verace con asparagi e salmone

Questa ricetta è stata creata da Lisa di Parole di gusto.

  Di Stuffer

Pizza con le verdure

Pizza con le verdure

  Di Stuffer

Pizza ai funghi

Consiglio: potete utilizzare anche altri tipi di funghi.

  Di Stuffer

Pizza con erbe aromatiche fresche e cipolle stufate

  Di Stuffer

Pizza con rucola e pomodori

  Di Stuffer

Pizza al taglio

  Di Stuffer

SCOPRI LA BASE PER PIZZA STUFFER
Farcisci, inforna, stupisci!